Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘servizi per l’impiego’

UnacittàsettIl tema della riorganizzazione dei servizi per l’impiego richiede una governance chiara e una modalità di comunicazione ampia e trasparente. Gli sviluppi che caratterizzano il nuovo assetto dei servizi invece ci dicono che si fatica sia sul tema della governance che su quello della comunicazione. Alida Franceschina e Sergio Bevilacqua ritornano sul tema in un postscritto per il blog di Una città.

Annunci

Read Full Post »

DRGMontezumaLa rivista Una città ha pubblicato un’intervista a due persone che si occupano di politiche attive del lavoro da punti di vista diversi, Claudio Negro segretario aggiunto della UIL Lombardia e il sottoscritto, consulente nelle politiche attive del lavoro, per capire dove siamo con le politiche attive.

L’intervista casca al momento giusto perché si sta ragionando sul futuro delle politiche del lavoro e dei servizi per l’impiego pubblici. Chi se ne farà carico, con quali modalità, l’agenzia che potrebbe gestire queste attività a chi risponderà: al ministero o ci saranno agenzie regionali? Questi sono gli interrogativi che in questi mesi rimbalzano fra gli addetti ai lavori. Tanto più che a fine anno le province che si sono occupate di politiche del lavoro da quasi 15 anni perderanno questa funzione.

Il periodo di crisi peraltro rende sempre più attuale il tema: la difficoltà del mercato ha pesanti ricadute sulla situazione lavorativa e migliaia di persone ex dipendenti, autonomi e piccoli imprenditori sono costrette a ripensare il proprio rapporto con la dimensione lavoro e a ridefinire un nuovo progetto professionale. In questo momento lo fanno da sole e senza supporto.

Proprio di questo si parla nell’intervista partendo da alcuni dati, illustrati nel convegno della UIL Lombardia del 16 giugno, che Claudio Negro analizza. Emerge che le persone che si sono ricollocate negli ultimi 3 anni utilizzando i servizi finanziati dalla Regione (la cosiddetta dote lavoro) per due terzi lo hanno fatto autonomamente dopo aver seguito percorsi finalizzati all’occupabilità.

Non è un passaggio da poco perché segnala l’importanza strategica dei servizi finalizzati ad aumentare l’occupabilità della persona: quindi le nuove competenze che integrino capacità ormai obsolete. Ma anche e soprattutto la consapevolezza delle competenze possedute, elemento in genere poco considerato ma la cui mancanza ha effetti devastanti sulle persone.

Infatti se la disoccupazione o la mancanza di lavoro genera un elevata crisi di autostima e forti stati depressivi che precludono la capacità da parte del disoccupato di dar vita ad un progetto professionale come dice molto chiaramente una manager in una recente intervista, allora l’antidoto va ricercato con grande attenzione. Il lavoro sull’occupabilità diviene chiave di successo di un nuovo rapporto con lo stato di crisi e con la situazione legata alla mancanza del lavoro. E succede che le persone ce la facciano da sole, senza necessariamente l’aiuto di chi si occupa di favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro: siano i centri per l’impiego o le agenzie per il lavoro private.

Ma questa affermazione ha ovviamente delle implicazioni non indifferenti: su quante persone si può fare realisticamente un serio lavoro di sviluppo dell’occupabilità? Che costi ha?

Interrogativi veri che è il caso di porsi valutando l’efficacia delle politiche del lavoro e dei servizi per l’impiego. E’ venuto il momento di chiedersi quanto costano e che risultati forniscono i servizi di incontro tra domanda e offerta di lavoro, gestiti dagli operatori e gestiti tramite banche dati on line. Quali utenti usufruiscono di questi servizi, che risultati avrebbero con una ricerca autonoma dell’occuapazione. Insomma fare il punto sulle politiche del lavoro implica valutarne l’efficacia con estremo disincanto e capire cosa serve oggi e cosa possiamo ridimensionare attuando risparmi e aumentando l’efficienza del sistema.

La situazione economica e quella occupazionale rendono urgente la risposta a questi quesiti. E il clima interno ai servizi per l’impego pubblici anche! Non si può pensare di non dare visibilità alle scelte in atto agli operatori dei centri per l’impiego e dei settori lavoro delle province che non sapranno che ne sarà di loro nei prossimi mesi.

La mancanza di lavoro richiede grande sensibilità e attenzione da parte dello Stato. E il lavoro di chi si occupa dei servizi per l’impiego anche!

Sergio Bevilacqua

Read Full Post »

innovazione-socialeNon solo, è necessario, improrogabile, inevitabile. Perché la crisi morde e il lavoro ne risente, tutto il mondo del lavoro sia quello dipendente che quello autonomo e delle imprese. La mancanza di lavoro unifica i bisogni e il variegato mondo del lavoro improvvisamente si ricompatta in un modo che non siamo abituati a pensare. Episodi drammatici come quello accaduto a Romeo Dionisi muratore ex dipendente e poi partita IVA che il mese scorso si è tolto la vita insieme alla moglie a Civitanova Marche tolgono ogni alibi a visioni che hanno identificato le politiche attive del lavoro nei servizi rivolti unicamente a dipendenti espulsi dal mercato del lavoro oppure verso i disoccupati in cerca di lavoro. Autonomi, partite IVA, piccoli imprenditori e anche i manager non sono mai stati considerati da chi opera nelle politiche attive del lavoro. Sono un mondo sconosciuto ai servi per l’impiego. I risvolti drammatici della crisi stanno obbligando gli attori delle politiche attive a prendere atto che bisogna fare qualcosa di nuovo.

A Milano ci ha pensato CNA a proporre con il patrocinio del Comune uno strumento come il counseling a piccoli imprenditori ed esercenti. Si tratta di una novità perché un’associazione datoriale non si è mai spesa in prima persona nell’erogazione di servizi per l’impiego, svolgendo peraltro anche una funzione di supporto alla governance.

Fra le novità è utile citare un servizio rivolto ad un’utenza conosciuta dalle politiche attive, persone disoccupate, cui è stato rivolto un servizio assolutamente nuovo: un percorso di auto aiuto. E questa novità è considerevole perché si pensa che il disoccupato abbia una dimensione personale, soggettiva, che richiede un supporto per elaborare emozioni che possono divenire travolgenti. Ed è considerevole anche perché lo strumento è frutto di un approccio multidisciplinare: infatti è diffuso nelle politiche sociali mentre è una prassi sconosciuta per le politiche attive. Interessante poi notare che questo servizio viene erogato da una struttura sindacale, che anche lei si spende in prima persona, in collaborazione con il Comune di Milano.

Tirando le somme da dove si può iniziare per introdurre i cambiamenti?

  • dai territori – pensando al coinvolgimento delle associazioni datoriali e sindacali che potrebbero fornire risorse per avviare nuovi servizi e nuovi modi di gestire l’uscita del personale in esubero
  • dai bisogni delle persone in difficoltà –rivedendo le tradizionali tipologie di utenti delle politiche attive. Si può pensare di concepire servizi di supporto per le partite IVA in difficoltà coinvolgendo le associazioni professionali? Oppure per piccoli imprenditori in crisi insieme alle associazioni datoriali?
  • Da un approccio finalmente multidisciplinare – che consenta di pescare servizi in altri ambiti come le politiche sociali e che consenta di identificare ulteriori sinergie. Un servizio di inserimento lavorativo può collaborare con un centro per l’impiego per dar vita a nuovi servizi per l’impiego?

Le esperienze in atto cominciano a dare delle risposte, assolutamente costruttive. Ed è una buon notizia per chi intende pensare all’innovazione delle politiche attive del lavoro.

Sergio

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: